Passeggiando per le vie delle ns. città sovente incontriamo bambini o ragazzi  con disabilità: li guardiamo, un timido sorriso, per alcuni imbarazzo,disagio, pudore… sono attimi che ci offrono spunti di riflessione sulla vita. Ma chi di noi, nell'incontrarli si è mai posto la domanda: ma questi ragazzi giocano, possono giocare?
SI', possono giocare, e vorrebbero tanto giocare !

Il Diritto al Gioco viene sancito dalla Convenzione ONU che invita tutti i paesi civili ad attuare politiche ed iniziative tali da orientare la collettività in quella direzione contro ogni discriminazione e limitazione.

Il gioco è protagonista dello sviluppo psicologico e della personalità di ognuno di noi, aiuta  a superare le proprie paure, è propedeutico alla vita adulta, per sviluppare competenze, senso di appartenenza, di inclusione, di identità.
Questo diritto vale per tutti , anche e soprattutto per bambini e ragazzi con disabilità. 

L'Associazione "La Casa di Cristina" Onlus propone ai bambini e ai ragazzi con disabilità e alle loro famiglie una ludoteca dove condividere momenti di gioco, divertimento e socializzazione felice, dove  hanno l'opportunità di contatti multipli e aperti, dove possono vivere una pluralità di dinamiche tese ad arricchire la propria quotidianità, scongiurando l'isolamento e l'emarginazione.

Prendendo spunto dalla campagna di sensibilizzazione lanciata da Telethon, "INSIEME PIU' SPECIALI" La casa di Cristina apre le iscrizioni anche a bambini e ragazzi "non speciali" al fine di realizzare una inclusione vera, concreta, basata su rapporti autentici e senza pregiudizi
Accettiamo il cambiamento, Aiutiamo tutti i  bambini e i ragazzi disabili e non disabili a diventare adulti inclusi ed inclusivi della nostra società.